Google Data Studio: rilasciate nuove importanti features!

Come sappiamo, Google Data Studio ha rilasciato un’importante update relativo all’integrazione dello strumento e Google Maps.

Ci sono stati però -sempre in questi giorni- tre rilasci, a mio avviso molto interessanti:

  • Integrazione automatica con la sezione dashboard di Google Analytics
  • Drag & Drop di metriche e dimensioni direttamente nel grafico/tabella
  • Formattazione condizionale delle tabelle

Vediamo nel dettaglio di cosa si tratta.

Integrazione automatica di Google Data Studio / Google Analytics

Ovviamente non stiamo parlando di connettori che già esistono ma di integrazione di Google Data Studio all’interno dei custom report di Google Analytics.

Se accedi a Google Analytics e clicchi nella sezione “Customization”, all’interno del report Dashboard da qualche giorno puoi trovare un avviso come questo:

GDS integraton GA

Cliccando in uno dei link presenti ti si aprirà, in Data Studio, una dashboard  quick to use formattata con dati e filtri basic. In totale sono tre dashboard: una dedicata al pubblico (audience), una dedicata all’acquisizione utenti (acquisition) e l’ultima sui contenuti e comportamento (behavior).

My 2 Cents: può tornare molto utile se ti avvicini per la prima volta allo strumento oppure se devi condividere informazioni base con colleghi/superiori senza che quest’ultimi debbano accedere a Google Analytics

Drag & Drop metriche e dimensioni direttamente nei grafici/tabelle

Come da titolo, ora è possibile inserire o cambiare metriche e dimensioni direttamente tramite drag&drop.

  • Drag&Drop di una metrica:

  • Drag&Drop di una dimensione e di una metrica:

Formattazione condizionale tabelle

La formattazione condizionale ti consente di -appunto- formattare le tabelle in base ai dati. Ad esempio, se vogliamo capire come stanno performando le campagne, possiamo impostare di un colore X il carattere delle righe e far variare a seconda della revenue lo sfondo della scorecard.

Sono possibili 2 tipi di formati condizionali:

  • La formattazione condizionale a un colore: applica un colore specifico al carattere e un colore di sfondo alle celle
  • La formattazione condizionale della scala di colori: applica una gradazione di colore una volta definita la soglia minima, media e massima.

Esempio ad un colore:

  • Definizione elementi da formattare

  • Risultato Formattazione

Esempio di formattazione a scala di colori:

  • Definizione elementi da formattare

  • Risultato:

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *